LE ZECCHE

Home » LE ZECCHE
                                                 

Le zecche sono una sottoclasse degli acari e da sempre rappresentano un pericolo per l’uomo e per gli animali, poiché in quanto parassiti possono trasmettere varie malattie. Per intervenire tramite un’operazione di disinfestazione è utile tener presente fattori quali l’habitat, il ciclo biologico e il comportamento delle diverse specie di zecche. Per quanto riguarda l’habitat, le zecche prediligono zone destinate alla pastorizia, oppure zone urbane con alta concentrazione di piccioni o randagi; preferiscono luoghi umidi ricchi di vegetazione erbosa e arbustiva, ma possono trovarsi anche in luoghi a clima caldo e asciutto dove la vegetazione è più rada, in quanto la loro presenza dipende sostanzialmente dalla presenza di ospiti da parassitare. Del loro ciclo biologico è invece importante sapere che esso può essere complesso e che anche la durata della loro vita può variare da alcuni mesi a qualche anno. In Italia sono presenti due famiglie di zecche: le zecche dure e le zecche molli. Le zecche dure sono caratterizzate da uno scudo dorsale chitinoso, mentre quelle molli sono sprovviste di scudo dorsale. La loro attività raggiunge il culmine nei paesi a clima temperato, nel periodo che va da maggio ad ottobre. Con l’inizio della primavera le zecche abbandonano il letargo invernale e si avviano alla ricerca di un ospite da parassitare. La disinfestazione deve essere caratterizzata da una lotta residuale di irrorazione di prodotti volti ad eliminare questo parassita. Importante però è anche la prevenzione tramite la rimozione delle feci degli animali infestati. È utile inoltre, per coloro che lavorano o entrano molto spesso in contatto con aree tendenti all’infestazioni da zecche, vestirsi con abiti chiari, che consentino di individuare al più presto il parassita, prima che riesca a trasmettere malattie; utilizzare pantaloni lunghi e indossare un cappello. È inoltre opportuno evitare di camminare dove l’erba è parecchio alta, e controllare una volta terminato il lavoro, l’escursione o qualsiasi attività che possa averci messo a rischio, la presenza di zecche nei nostri vestiti o sulla nostra pelle. Le zecche non volano o saltano sulle loro vittime, ma si appostano sulle piante o sull’erba aspettando il passaggio di uomini o di animali da infestare. Nel caso in cui uno di questi insetti fosse riuscito ad attaccarsi a noi è importante cercare di eliminarlo il prima possibile: questo deve essere afferrato con delle pinzette a punta sottile e rimosso, stando attenti a non schiacciare il corpo della zecca per evitare il rigurgito che aumenterebbe le possibilità di trasmissione di malattie, ricordandosi di disinfettare la cute prima e dopo l’operazione e soprattutto è opportuno distruggere la zecca bruciandola. Il morso della zecca non è di per sé pericoloso per l’uomo ma lo diventa in quanto possibile vettore di malattie. Alla rimozione della zecca

 



Codividi il contenuto sui social!
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Segui le Social Page!
Facebooklinkedin
PuntoSicurezzA Azienda certificata
Azienda certificata SA8000
Azienda certificata SA8000

Per qualsiasi informazione contattaci allo 0575 380 106 o scrivi ad info@puntosicurezzaar.com