Estintori, estintori a polvere, estintori a co2, estintori a schiuma

Home » Estintori, estintori a polvere, estintori a co2, estintori a schiuma

PuntoSicurezzA è fornitore di estintori.

PuntoSicurezzA è fornitore di estintori

Seleziona la categoria:

            
ESTINTORI A SCHIUMA CARRELLATI UNI9492
      
ESTINTORI A CO2 CARRELLATI UNI9492
        
ESTINTORI A POLVERE CARRELLATI UNI9492

         
ESTINTORI A SCHIUMA PORTATILI EN3-7

       
ESTINTORI CROMATI

        
ESTINTORI A CO2 PORTATILI EN3-7 CO2


ESTINTORI PALLA

ESTINTORI AUTOMATICI POLVERE/SCHIUMA         
ESTINTORI A CO2 PORTATILI MED CO2

        
ESTINTORI A POLVERE PORTATILI MED

           
ESTINTORI A SCHIUMA PORTATILI MED

       
ESTINTORI A POLVERE PORTATILI EN3-7

Estintori a CO2

L’estintore a CO2 è adatto per spegnimento di fuochi di classe B ; essendo un gas inerte e dielettrico (di natura isolante), la normativa di prevenzione incendi ne prescrive l’installazione in prossimità dei quadri elettrici.

Al momento dell’azionamento, l’anidride carbonica contenuta nel corpo dell’estintore, spinta dalla propria pressione interna, pari a circa 55/60 bar (a 20°C).

Raggiunge il cono diffusore, dal quale, attraverso il passaggio obbligato attraverso un filtro frangigetto si espande, con una temperatura di circa -78°C, sottoforma di neve carbonica o ghiaccio secco.

Il gas circonda i corpi in fiamme, abbassa la concentrazione d’ossigeno e provoca lo spegnimento per raffreddamento e soffocamento.

Gli estintori a CO2 (Anidride Carbonica), per la loro azione istantanea, sono indubbiamente i più efficaci, in particolare per cabine elettriche, di trasformazione, etc.

Estintore ad anidride carbonica

È costituito da un serbatoio realizzato in un unico corpo senza saldature, può essere realizzato con acciaio di buona levatura, o in lega leggera. La particolarità del serbatoio è quella di resistere alla pressione che il gas sviluppa a vari stadi di temperature quali: -20°C ~19 bar, + 20°C~ 60 bar, +60°C~170 bar.

Gli estintori costruiti prima della direttiva PED devono rispettare le scadenze indicate dalla legislazione in materia di gas compressi e liquefatti.

Sull’ogiva della bombola deve essere riportato : pressione di collaudo, anno di costruzione, numero progressivo, tara, eventuali date di collaudo e nome del costruttore.

In genere l’ogiva degli estintori a CO2 è di colore grigio ma non è obbligatorio per norma questa colorazione.
L’estintore ad anidride carbonica ha una valvola di sicurezza che interviene quando la pressione interna dell’estintore per vari motivi supera i 170 bar, in questo caso il dischetto metallico che costituisce il tappo della pressione stessa si rompe e permette la completa depressurizzazione dell’estintore.

L’estintore a CO2 è approvato per i focolai di classe B, non è adatto sui focolai di classe A perché in virtù della proprietà insita nei gas di evaporare produrrebbe solo un abbassamento momentaneo della temperatura senza l’inibizione delle braci prodotte dall’incendio e quindi certamente dopo la scarica si verificherebbe il riaffiorare dell’incendio.

Inoltre per la sua dielettricità l’anidride carbonica è indicata per la protezione di quadri elettrici, può estinguere incendi di natura elettrica su apparecchiature sotto tensione fino a 1000 V.

Il dispositivo di scarica dell’estintore a CO2 è composto da un tubo ad alta pressione collegato ad un cono diffusore realizzato in materiale sintetico PVC (resistente agli shok termici) con la presenza di un impugnatura, per evitare all’operatore eventuali ustioni da freddo, infatti, la repentina fuoriuscita del gas dall’estintore e la conseguente evaporazione, provoca un brusco abbassamento della temperatura (-79°C), per questo abbassamento di temperatura, le parti metalliche dell’estintore divengono freddissime e pericolose se toccate con mano scoperta dall’operatore.

Inoltre il brusco abbassamento di temperatura che subisce nella sua trasformazione l’anidride carbonica è tale da solidificare il liquido in uscita che assume la denominazione di “neve carbonica” o “ghiaccio secco”.

Negli estintori con 2 Kg di carica, il cono diffusore è direttamente collegato alla valvola di intercettazione.
Prima di intervenire con l’estintore a CO2 verificare la tenuta dei collegamenti cono tubo , tubo – valvola.

Azionare l’estintore e dirigere il getto alla base delle fiamme cercando di coprire le stesse con la nuvola di CO2 che si sprigiona dall’estintore per ottenere: effetto di soffocamento, effetto di raffreddamento, quindi l’estinzione del focolaio.

NOTA: L’estintore a CO2 a causa della forte evaporazione del gas, ha una gittata efficace limitata. Per cui è necessario avvicinarsi il più possibile al focolaio, utilizzando opportuni mezzi di protezione, per ottenere l’estinzione del principio d’incendio.

Estintori a polvere 

L’ estintore a polvere è costituito da un involucro in lamiera d’acciaio, pressurizzato con gas inerte o con aria deumidificata a circa 14 bar (pressione di esercizio a 20°C) contenente come estinguente polvere chimica, costituita principalmente da composti salini quali: bicarbonato di potassio, per polveri bivalenti classe d’incendio B, C.
Solfati di ammonio e fosfato manoammonico, per polveri trivalenti classi di incendio A, B, C, addittivato con altre sostanze che conferiscono alla stessa particolari proprietà di: fluidità e resistenza all’umidità, idrorepellenza.

L’azione che espleta la polvere sull’incendio si riassume in: soffocamento, raffreddamento, inibizione delle parti incombuste quindi blocco della catalisi dell’incendio.

Ad ogni buon fine prima di utilizzare l’estintore verificare:
• che l’estinguente contenuto sia compatibile e adatto alla classe d’incendio da attaccare;
• l’effettiva pressione di carica attraverso il manometro “se presente”;
• controllare la mancanza di eventuali manomissioni su tubo, lancia, sigillo di sicurezza;

Al termine di queste operazioni, che devono essere immediate, togliere la spina di sicurezza e intervenire sul principio d’incendio dirigendo sempre l’estinguente alla base delle fiamme.
L’estintore a polvere può essere utilizzato su: • quadri elettrici fino a 1000 V; • materiali di classe A (carta, legno, materie plastiche, sostanze di sintesi, tessuti ecc.); • liquidi infiammabili (benzine, gasolio, alcool, ecc.); • materiali di classe D (magnese, alluminio, sodio, potassio, ecc.) solo con polveri speciali.
Per la sua particolarità costruttiva l’estintore è ideale per spegnere più focolai.

Polvere polivalente (ABC – Fosfato di ammonio, BC Bicarbonato di sodio o potassio) immagazzinata in pressione di azoto.

Si scarica approssimativamente in 8 – 15 secondi operando ad una distanza di 1 – 2.5 metri

Gli estintori a polvere polivalente sono adatti all’impiego nei laboratori; però, possono provocare notevoli danni. I residui di polvere possono infiltrarsi nelle apparecchiature elettriche e danneggiare l’ottica, gli specchi ecc. delle apparecchiature di laboratorio.

Ricordarsi che una volta spento in principio d’incendio è opportuno arieggiare se l’incendio si è sviluppato all’interno di un locale, infatti oltre ai prodotti della combustione: CO, CO2, vari acidi e gas, presenza di polveri incombuste nell’aria c’e anche la polvere estinguente che proprio perché sottilissima potrebbe essere inspirata insieme ad altre sostanze negative dall’operatore.

Smassare inoltre eventuali residui per spegnere eventuali braci che possono riavviare l’incendio.
Gli estintori che non sono soggetti a verifiche periodiche secondo quanto previsto dalla direttiva 97/23/CE (DLg 93/2000) devono essere collaudati ogni 12 anni mediante prova idraulica della durata di 30 sec. Alla pressione di prova (Pt) indicata sul serbatoio.

Zone servite direttamente: Arezzo, Siena, Firenze, Perugia
altre seguite da Agenti: tutta Italia



Segui le Social Page!
Facebooklinkedin

Condividi il contenuto sui social!
Facebooktwitterpinterestlinkedinmail
PuntoSicurezzA Azienda certificata
Azienda certificata SA8000
Azienda certificata Aifos
Azienda certificata CEPA UNI EN 16636
Associazione Imprese Disinfestazione Professionali Italiane

Per qualsiasi informazione contattaci allo 0575 380 106 o scrivi ad info@puntosicurezzaar.com